IT | EN | ES | PO | Login
news - Lettera dal Brasile
Ottobre 2010

 

Cari madrine, padrini, amici e sostenitori della Casa dos Curumins,

Siamo da poco rientrati in Brasile, con un ritardo di tre mesi rispetto alla data prevista, e ci apprestiamo a chiudere un anno ricco di attività, contatti e nuovi progetti da realizzare nel 2011.

La prima novità che desideriamo condividere con voi è che la Casa dos Curumins non chiuderà più per le ferie collettive del personale durante il mese di gennaio. Sarà un grande sforzo, poiché il personale sarà comunque ridotto, ma l’apertura è una necessità per “proteggere” i ragazzi dalla strada. Oltre al cibo, offriremo soprattutto attività ludiche.

Per il 2011, contiamo con il rinnovo dell’accordo con la Segreteria do Esporte, Turismo e Lazer di San Paolo, che garantirà la continuità delle attività sportive di calcio e di handball.
Daremo pure continuità al progetto Batuque Arte-Curumins, canto – armonia - danza e percussioni. La qualità del lavoro cresce e il coinvolgimento dei ragazzi è fantastico. Hanno già partecipato a quattro spettacoli pubblici a San Paolo e il 2011 li porterà in tourne in altre città brasiliane.

 

L’acquisto della sede rimane l’obiettivo che speriamo raggiungere il prossimo anno. In tale modo potremo apportare modifiche all’edificio, che è già diventato piccolo per la quantità di attività proposte ai ragazzi.

Attualmente Sara Barelli è con noi a San Paolo, offrendo un atelier di pittura ai ragazzi, parte dei disegni realizzati saranno esposti e messi in vendita in Svizzera.

Da poche settimane siamo rientrati dal viaggio al mare con 133 bambini, condiviso con i padrini ticinesi Gianni e Arianne. Nonostante il tempo incerto e freddino, è stato un momento speciale per tutti. Con allegria e vivacità, i ragazzi hanno usufruito di giochi, attività sportive, tuffi e balli. Inoltre, ispirati dal maestro di musica Henrique, hanno composto una canzone ringraziando tutti voi che rendete possibile la realizzazione del viaggio. E’ tangibile la trasformazione dei ragazzi che, anno dopo anno, sempre più uniti, disciplinati e attenti, coltivano le opportunità  a loro offerte.

Il governo di San Paolo, nel mese di settembre, ha donato alla Casa dos Curumins 6 macchine fotografiche, 1 videocamera ed 1 proiettore, nell’ambito di un progetto audiovisivo che verrà sviluppato nel corso del prossimo anno.

Pro-Vida – un’ entità religiosa che destina ad opere sociali “il decimo” raccolto tra i fedeli - ha donato gli istrumenti musicali per il progetto Batuque-Arte Curumins: vari tamburi, due chitarre, quattro microfoni, casse d’amplificazione e una tastiera professionale. Sono stati donati inoltre materiale per la videoteca e la biblioteca dei ragazzi, un forno a gas ed elttrodomestici.

Il progetto Roda da Sabedoria, sostenuto dalla Fondazione Salvador Arena, giunge alla fine ed entro il 20 dicembre saranno disponibili le prime copie del libro di interviste realizzate dai ragazzi nel quartiere, offrendo un piccolo ritratto degli abitanti e della realtà locale.

Il 9 ottobre, 28 ragazzi che frequentano i corsi di jujitsu hanno partecipato al primo campionato mondiale di Jujitsu-Morganti a San Paolo. Sabrina Moraes, 13 anni, si è classificata prima nella categoria rosso-bianca infantile, confrontandosi con ragazze del Sudafrica.
Katlyn Silva de Oleveira , 11 anni, si è classificata terza. I ragazzi hanno raccolto i frutti del lavoro svolto durante i 4 anni di preparazione nella sede della Pedreira, dove vive Shidoshi Ricardo, fondatore del Jujitsu Morganti e istruttore dei ragazzi (www.gatame.com.br) Shidoshi Ricardo figura nella lista dei personaggi intervistati dai ragazzi per il  progetto Roda da Sabedoria. Una grande soddisfazione per tutti noi della Casa dos Curumins.

Vi invitiamo a visitare il sito www.accentdesigns.ch dove troverete la nuova collezione Marie bag, borse create dalla designer Mariana Meier, madrina e sostenitrice del progetto Casa dos Curumins.
Per ogni articolo venduto, Accent Designs dona CHF 10.- al progetto. 

Per concludere, abbiamo accolto 10 nuovi bambini nel progetto e siamo a quota 125 mentre la lista d’attesa sfiora i 300 bambini. Stiamo allestendo le nuove schede d’adozione, nella speranza di presto trovare nuovi padrini e madrine,  importanti tanto per i ragazzi quanto  per la continuità del progetto.

Di cuore, un caloroso abbraccio a tutti, augurandoci di potervi accogliere in Brasile a toccare con mano la realtà che sostenete e, con il cuore, provare l’intensità della gratitudine e della speranza che i bambini e la comunità ripongono in tutti noi.

                               Alberto e Adriana

 

 

Copyright ©2008-2009 casadoscurumins.org - All rights reserved - Site by Arcaweb